Il Kong

Parliamo un po’ di questo gioco di gomma resistente, con una cavità interna, che ben si presta a essere riempito in diversi modi e  capace di dare quotidianamente dei momenti gratificanti al vostro cane.

Iniziamo con il dire che ne esistono di diversi formati in base alla dimensione della bocca del vostro beniamino e diversi colori che vi indicano quanto è dura la gomma.Per intenderci si va da quelli bianchi e azzurri/viola per i cuccioli o gli anziani fino a quelli neri, gli EXTREME per i veri sgranocchiatori.

Per quanto riguarda il ripieno potete veramente sbizzarrirvi, tenendo sempre presente però eventuali allergie o intolleranze del vostro cane.

La prima volta riempitelo con dei biscottini piccoli e gustosi che possano uscire facilmente al minimo tocco, e col passare del tempo potrete usare dei biscotti più grossi che richiedano più impegno per essere conquistati. Provate con dello yogurt sui bordi interni, che richiede dello sforzo in più, farlo rotolare come sempre non sarà più sufficiente per raggiungere il fatidico premio. Sarà ,per esempio , necessario ruotare la testa e provare con la lingua, piano piano potrebbe essere naturale tenerlo tra le zampe per leccarne più facilmente il contenuto.

Dico per esempio, perché il kong si potrebbe anche gustare in piedi con solo una zampa sopra il gioco e la testa piegata, quasi in equilibrio!

Ok, abbiamo scoperto che lo yogurt piace, ma finisce subito, proviamo con una sottiletta schiacciata sui bordi? Bè sicuramente questo è più impegnativo, e se mettessimo invece anche dei biscottini? Il nostro cane preferisce prima recuperare tutti i biscottini o non fa distinzione e mangia tutto voracemente?

Tutte queste sono scelte che a noi possono sembrare irrilevanti ma per il cane fanno una grande differenza. E con il tempo la faranno anche per noi perché impareremo a conoscere i gusti del nostro amico e se un giorno vorremo fargli un regalo, magari perché si è impegnato molto alla lezione di rally obedience, oppure ha affrontato con serenità e coraggio quel difficile ostacolo della mobility , invece dell’ennesimo peluche che magari non ama, potremo preparargli un kong con il suo ripieno preferito e gratificarlo in maniera significativa!

Se invece siamo in estate e fa molto caldo potremo tenerlo un po’ in freezer e diventerà come un ghiacciolo rinfrescante ma molto impegnativo!

Osservandolo, impareremo molto riguarda il gusto e l’olfatto del nostro amico peloso e scopriremo anche come il nostro cane affronta un oggetto nuovo, diversi sapori e nuovi odori!

 

Non ho voluto mettervi la solita foto di un cane che mangia un kong, ma della mia Lisie (foto d’archivio 😉 )intenta a modo suo a recuperare fino all’ultima lacrima di yogurt nel suo scatolino.

L’idea è la stessa: guadagnarsi del cibo impegnandosi a recuperarlo. Anni fa non disponevamo di kong; ma comunque, una volta finito il contenuto, il contenitore andava sempre a lei che aveva escogitato questa tecnica strana, infilando dentro tutto il muso per arrivare meglio sul fondo.

Questo per dirvi che potreste stupirvi e divertirvi con un semplice gioco di plastica e tanta fantasia!

Giulia

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


    4 + = 5